Digitali e sostenibili: le aziende più avanti nella trasformazione sono anche le più rispettose dell’ambiente

2 min

A indicarlo è una ricerca dell’Osservatorio Innovazione Digitale nelle PMI del Politecnico di Milano svolta insieme a TeamSystem per analizzare il grado di digitalizzazione delle Piccole e Medie Imprese italiane. Secondo Federico Leproux, CEO di TeamSystem, "la società futura si baserà su una simbiosi tra digitale e sostenibilità".

Federico Leproux , CEO di TeamSystem

C’è un legame positivo tra maturità digitale e sensibilità ai temi ambientali delle Piccole e Media Imprese italiane: quelle più propense a investire nel digitale sono anche più attente alla sostenibilità.

Un’evidenza che emerge da uno studio condotto dall’Osservatorio Innovazione Digitale nelle PMI del Politecnico di Milano – a cui ha partecipato TeamSystem – orientata a comprendere i benefici della digitalizzazione delle PMI in termini di performance economica e di sostenibilità ambientale.

La ricerca ha definito un Indice di Maturità Digitale delle PMI italiane, su un campione di circa 500 PMI, costruito indagando quattro macroaree di business: cultura e organizzazione per l’innovazione, digitalizzazione sia dei processi core sia quelli di supporto, e utilizzo di tecnologie ad alto impatto innovativo. Per rispondere alle domande di ricerca sono state svolte diverse tipologie di analisi: quelle relative alla classe latente e le micro e macro-econometriche, basate su un paniere di indicatori di digitalizzazione.

Secondo la ricerca, in Italia solo il 34% delle PMI può definirsi “digitally mature”: si tratta di imprese che mostrano concretamente un elevato grado di maturità rispetto a tutte le aree.

L’11% del campione analizzato, invece, rientra nella categoria “committed”, ovvero aziende che hanno cultura e organizzazione aziendale votate all’innovazione digitale e sono quindi pronte a diventare pienamente mature.

Il 55% del restante campione si divide in aziende che possono definirsi “digitally immature” (23%), carenti dal punto di vista dell’innovazione digitale su tutte le aree, e “process-oriented” (32%), imprese che hanno rivolto gli sforzi verso la digitalizzazione di base e tattica dei processi core e di supporto, ma meno pronte culturalmente e meno interessate alla tecnologia innovativa.

In questo quadro, un incremento del 10% nel Digital Maturity Score è associato a un incremento del 6,0-7,9% nell’indice di sostenibilità, calcolato tramite l’interrelazione tra gli interventi fatti in ottica sostenibile e la varietà di azioni introdotte. Uno scenario in cui, in generale, le medie imprese si mostrano più sensibili delle piccole, con una differenza nell’indice di sostenibilità del 22,7%. Delle evidenze che appaiono perfettamente in sintonia con le linee guida del Next Generation EU, dove digitale e sostenibilità rappresentano due pillar fondamentali e destinati ad agire in sinergia nell’economia del paese.

Sempre relativamente alla sostenibilità, le aziende di Manifattura e Costruzione risultano avere un indice più elevato, mediamente del 23,4%, mentre le PMI che hanno anche la PA come cliente hanno un indice mediamente più basso (ca. –12%).

Complessivamente, quasi il 30% del panel ha dichiarato di aver fatto investimenti in sostenibilità legati alla produzione dei beni o dei servizi, e il 28% ha allocato budget sulle tecnologie per il rispetto dell’ambiente. Gli investimenti focalizzati sulla sede di lavoro, invece, hanno riguardato il 26% delle PMI italiane.

I dati dello studio dimostrano che trasformazione digitale e sensibilità ambientale sono due elementi fortemente correlati e sembra chiaro che le Piccole e Medie Imprese più propense a investire nel digitale sono anche quelle più attente ai temi della sostenibilità ambientale”, ha dichiarato Federico Leproux, ceo di TeamSystem. “Ci troviamo tutti di fronte a una sfida di portata storica e non sono più rimandabili strategie di ampio respiro che mirino a conciliare la sostenibilità ambientale con l’innovazione, seguendo peraltro quelle che sono le due principali linee-guida del Next Generation EU. Trasformazione digitale e rispetto per l’ambiente devono essere affrontate da tutti gli attori con un approccio univoco e sinergico, poiché per far sì che la società in futuro si possa poggiare su solide basi di sviluppo e di prosperità, il digitale dovrà essere sempre più alleato della sostenibilità e viceversa”.    

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Condivideo.live

GRATIS
VISUALIZZA